Il Casato Di Luna

Casato Borghese della Repubblica di Firenze
 
IndiceCalendarioFAQCercaRegistratiAccedi

Condividi | 
 

 Il Mio Diario

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Vindrveraly
Admin
avatar

Messaggi : 242
Data d'iscrizione : 23.06.10
Età : 26
Località : Quel posto chiamato "Casa"

MessaggioTitolo: Il Mio Diario   Gio 14 Apr 2011, 18:09

Kestel ha scritto:
Ciao Family, è un pò di tempo che avevo l'intenzione di aprire questo topic, ognuna scriva ciò che gli va, come gli va, di ciò che gli è successo nei Regni.



Domenica 31 ottobre 1458
Uff, che giornata piatta... non c'è nessuno in taverna, sarà che dopo la ripartenza da Savona, le giornate passano più o meno uguale e l'attività preferita, pare, sia quella di starsene polleggiati in cabina.
Però è bello viaggiare in nave, a volte ci si può rilassare e vedere lo stesso panorama per interi giorni, senza dover notare dettagli, oggetti, gente come invece sulla terraferma. Certo però, a volte ci si sente in gabbia, non si ha molto spazio dove poter decidere di andare. Però dopo anni passati a girovagare, un'avventura come questa ci sta tutta.
Ripenso a questi giorni.... lunedì siamo partiti da Livorno in direzione Savona, ci siamo arrivati mercoledì sera ed abbiamo atteso la mattina seguente per attraccare,siamo ripartiti e ieri ho visto la costa della Corsica, di nuovo in viaggio verso Gaeta (mi pare) ed ora siamo appena sotto Grosseto.
Beh, mi sa che vado a mangiare e poi probabilmente andrò in cabina, fa fresco qua fuori... a domani!
K.


Ultima modifica di Vindrveraly il Mar 26 Apr 2011, 18:36, modificato 1 volta
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://famigliadiluna.forumotion.com
Vindrveraly
Admin
avatar

Messaggi : 242
Data d'iscrizione : 23.06.10
Età : 26
Località : Quel posto chiamato "Casa"

MessaggioTitolo: Re: Il Mio Diario   Gio 14 Apr 2011, 18:11

Black96 ha scritto:
Domenica 31 ottobre 1458
L'ultima Domenica che indosso questa divisa, sono passati 2 mesi ormai e tante cose sono successe.
Adesso sono molto stanco di questa vita e ho bisogno di un lungo viaggio per rilassarmi un poco.
Andrò al matrimonio di Tania e poi paritrò per l'Abruzzo dove mi attende una persona...e poi si torna a Firenze per riprendere servizio in Esercito come sempre.
Da domani sarò libero da tante responsabilità che mi hanno tenuto legato per troppo tempo, per uno con il mio carattere è difficile essere legato perciò sulla testa ho qualche denuncia e certamente me ne vanto perchè non sono riusciti a piegarmi.
Ora come al solito vado a fare la mia ronda.. anzi stasera sicuramente si ammazzerà qualcuno..


Kestel ha scritto:

Martedì 30 novembre 1458
Oggi ripartiamo da Chieti, penso che per certi aspetti non mi mancherà, soprattutto per la scarsa e minima compagnia in taverna! Chissà, forse se tornando indietro, ci torneremo a fermare, avrò un'altra possibilità. Intanto oggi ci siamo imbarcati, proseguiamo per il nord: Venezia! Ad aspettarci so che ci sarà qualcuno, sconosciuto non più di tanto: i parenti dal parte di papà!
Ora aspetto che passino questi giorni in mare, d'inverno... e se nevicherà, vedrò il mare bianco!


Ultima modifica di Vindrveraly il Mar 26 Apr 2011, 18:36, modificato 1 volta
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://famigliadiluna.forumotion.com
Vindrveraly
Admin
avatar

Messaggi : 242
Data d'iscrizione : 23.06.10
Età : 26
Località : Quel posto chiamato "Casa"

MessaggioTitolo: Re: Il Mio Diario   Gio 14 Apr 2011, 18:13

Contessaromana ha scritto:

Domenica 5 dicembre 1458
Io e Andrè siamo in nave e attendiamo di attraccare ad Orbetello,finalmente ce l'abbiamo fatta a partire da Terracina, abbiamo tanta nostalgia di casa...speriamo di arrivare in tempo per il matrimonio di Sabbri ma sembra quasi impossibile purtroppo...forse però a breve riusciremo a organizzare il nostro di matrimonio, sempre che come al solito non succeda qualcosa. Mi voglio sposareeeeee!!!!
Casa dolce casa stiamo arrivando e per un bel pò non ci muoveremo più!


Andress86 ha scritto:

Mercoledì 8 Dicembre 1458
Breve pausa durante il tragitto
Stiamo per varcare la frontiera fiorentina di Piombino, sentiamo aria di casa, e mi sento sempre più vicino alla mia stellina.
Primo obiettivo sposarla, anche se ci è arrivata la notizia della scomparsa di padre Karpoff, speriamo non sia qualcosa di definitivo, una grande persona oltre che il prete che avrebbe dovuto celebrare il giorno più felice della nostra vita.
Domani scriverò a quel disgraziato del mio testimone sperando che non si voglia di nuovo far passare per le armi pur di non farci sposare, nel frattempo non posso far altro che sperare che Franny e Silvano arrivino presto...




Kestel ha scritto:

Mercoledì 8 Dicembre 1458

Finalmente siamo arrivati a Verona!! Ieri abbiamo avuti un contrattemo, probabilmente causato dall'eccessivo peso, per cui siamo rimasti un giorno in più a Padova.
Oggi ho fatto un giro in taverna, quella di alcuni parenti, non c'era nessuno ma dopo poco è arrivata zia Ira: che bello conoscerla di persona!
Non lo so quanto resteremo, me lo chiese anche lei ed io proprio lo ignoro; a volte viaggiare senza meta o senza avere o sapere la tempistica, regala una sensazione particolare.


Ultima modifica di Vindrveraly il Mar 26 Apr 2011, 18:37, modificato 1 volta
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://famigliadiluna.forumotion.com
Vindrveraly
Admin
avatar

Messaggi : 242
Data d'iscrizione : 23.06.10
Età : 26
Località : Quel posto chiamato "Casa"

MessaggioTitolo: Re: Il Mio Diario   Gio 14 Apr 2011, 18:15

PierCapponi ha scritto:
Mercoledì 8 Dicembre dell'anno del Signore MCDLVIII

Da un paio di giorni mi sono candidato sindaco di Livorno e sono in continua trepidazione per il nuovo e inedito incarico e spero davvero di fare bene per la mia amata Livorno! Leggo con piacere che pian piano i miei parenti tornano in città dai loro viaggi! Li aspetto con la gioia di rivederli presto!
Tessa e Andress mi sono davvero mancati tanto!

Andress86 ha scritto:


15 Dicembre 1458
Livorno primo giorno del mio assessorato al commercio...
Oggi tanti conti, ma il problema principale è un altro... questa città è piuttosto fredda ultimamente non si sente più il vociare dalle taverne la gente festante, ormai molti stanno rintanati in casa, mi mancano le serate festose che c'erano prima. Speriamo di dare una mano non solo economicamente a questa città.
Però bello stare a casa...Spero che anche altri tornino presto


Cele ha scritto:
Domenica,
19 Dicembre, 1458

I giorni passano silenziosi, a tratti lenti, molto lenti, a tratti più rapidi e ricchi di novità e di eventi.
Il peso della nave adesso è un po' più grande, altre due anime la riempiono, e nonostante la loro fragilità, la grandezza dell'amore che portano con sè, riempie le anime e le giornate di tutti noi.
Far nascere questi due scriccioli è stata per me un'emozione grandissima. Non solo per l'evento della nascita in sè, ma anche per l'amore incondizionato che mi lega a Francesca. Non ho timore nel dire che la sento come figlia mia, non ho timore a dire che sarei pronta a dare la vita per la sua più completa e incondizionata felicità.
Nonostante non fosse il suo primo parto era commossa, come la prima volta, e felice, tanto! Guarda i piccoli e il suo Silvano con grande amore, so che è serena e lo sono anche io. Devo ringraziare Silvano per tutto questo, nonostante tutte le pernacchie e gli scherzi, credo Francesca non potesse davvero trovare di meglio, è uno splendido ragazzo.

Sono tante le cose che vorrei scrivere, e oggi, l'ennesima domenica lontano da casa, l'ultima domenica prima di Natale, tante cose mi vengono in mente. Quanto vorrei passare le feste con tutti gli altri a casa.
Chissà come stanno. Ogni istante della mia giornata lo passo pensando a loro.

Helena e Marcos, la mia dolcissima nipote, la immagino già a far danni in cucina per il cenone, soprattutto ora che non ci siamo noi, e impegnata come sempre per il bene della città. Chissà loro quando mi regaleranno un bel nipote.

Kestel qua con me, quanto è cresciuto questo ragazzo, è gemello di Francesca, ma l'ho sempre visto più indifeso, più giovane, il mio cucciolone. Invece no, ormai è un uomo. L'ho osservato in questi giorni, mi sono stupita di quanto passi velocemente il tempo.

Chissà Tessa, Samy, Ari, Pier... Chissà che combinano in quella casa senza avere i genitori e la Zia bacchettona appresso.
Niente, non faccio che pensare a tutti loro.... Vorrei solo che il loro Natale fosse stupendo, e che il prossimo anno porti a loro solo momenti positivi e tanto tanto divertimento.

Ora forse è meglio che vada a preparare qualcosa da mangiare per la cena, un ultimo pensiero al mio dolce Alstair. L'ho salutato a Silvi prima di partire ma è sempre con me nel mio cuore. Mi manca molto. La speranza di rivederlo e ritrovarlo così come l'ho lasciato mi rende meno pesanti questi lunghi giorni di navigazione.

Buon Natale anche a me infine, un po' di fortuna di vuole sempre.


Ultima modifica di Vindrveraly il Mar 26 Apr 2011, 18:37, modificato 1 volta
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://famigliadiluna.forumotion.com
Vindrveraly
Admin
avatar

Messaggi : 242
Data d'iscrizione : 23.06.10
Età : 26
Località : Quel posto chiamato "Casa"

MessaggioTitolo: Re: Il Mio Diario   Gio 14 Apr 2011, 18:16

Kestel ha scritto:
Martedì 8 febbraio 1459
Ho perso i conti dei giorni da quando sono partito in nave da Livorno, sono sbarcato a Montepellier e poi a piedi sono giunto fin qua, à Béziers. Due settimane? Venti giorni? Forse sono contento così, in questo momento, lasciarsi il passato indietro ed accogliere a braccia aperte il futuro. Oggi riparto, tanto per cambiare: vado a Narbonne, ancora più ad ovest.
Di nuovo per mercanteggiare. Beh, questa cosa non mi dispiace, anzi mi sta stuzzicando. Oltre anche a poter viaggiare (finalmente il mio primo viaggio all'estero), quanta fatica a ricordarsi il francese imparato un pò a scuola dalle suore, un pò in giro parlandolo coi viandanti. Se c'è qualche errore... beh, è per quello!! Mi sa che sto scrivendo un fraceliano o italicese! Ahahahahah!!! Spero che in famiglia non mi prendano per matto (e che riescano a capire ciò che dico). I francesi non sono poi così differenti da noi, molti non parlando l'italiano e questo li limita nella possibilità di comunicazione, ma oltre a quello non è siano entusiasti di conoscere od anche solo di presentarsi.
Ora vado, è già buio e stiamo per arrivare!!
Bongoooooooooo!!!!!!
K.



Vindrveraly ha scritto:
14 Febbraio 1459


Finalmente oggi rivedo mamàn, in taverna!
La neve si è sciolta, le vendite vanno bene, i fiori profumano: non c'è nulla che potrebbe allietarmi di più!
Il clima francese è meraviglioso, e questa terra sarebbe un luogo fantastico se non fosse per i franciosi dormiglioni!
Ma come dooormono!
Iniziando dal Duca, che oggi mi ha inviato una bella letterina dicendo di ritirare le merci che avevo a Montpellier..ma è quasi una settimane che non sono nella Capitale!
Mi viene da ridere, ma come si fa?
Che poi, se mi ha detto di ritirare le merci, vuol dire che lui non era a conoscenza del fatto che il vecchio sindaco di Montpellier ci avesse proibito di immetterle al mercato..o forse sapeva che lo facevamo di nascosto!
..No, ne dubito!
Buò, speriamo non siano tutti così!

Sto valutando l'ipotesi di entrare in politica, una volta tornata a casa..
Ma è solo un'idea, per ora, ancora da valutare bene.
Anche perchè vorrei visitare Genova, Modena e Venezia, senza tralasciare l'Abruzzo e Tdl!
Vabbè, tutta la penisola insomma!

Eh bien, maintenant je vais!
A' bientoooooot!


Votre, Vera


Ultima modifica di Vindrveraly il Mar 26 Apr 2011, 18:38, modificato 1 volta
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://famigliadiluna.forumotion.com
Vindrveraly
Admin
avatar

Messaggi : 242
Data d'iscrizione : 23.06.10
Età : 26
Località : Quel posto chiamato "Casa"

MessaggioTitolo: Re: Il Mio Diario   Gio 14 Apr 2011, 18:19

Cele ha scritto:
1 Marzo, 1459
A bordo dell'Anteros,
Narbonne



Claraluna. Più si avvicina il giorno della partenza e più sento il tuo calore avvolgermi di nuovo.
La voglia di partire, di cambiare aria, era talmente tanta, talmente forte, che per un attimo avevo pensato di poter stare lontana da casa all'infinito.
Ma così non è...
Mi mancano da morire gli occhi dolci di Helena e quelli sorridenti di Francesca.
Mi mancano da morire i baci sulla fronte del buongiorno di mio fratello Bartolomeo e i suoi abbracci stritola costole.
Mi mancano le risa e le urla di tutte le incredibili nipoti che ora sono lì, spero, ad attendermi.
Quanto tempo è passato... Troppo.

Torno a casa con uno spirito nuovo. Ricca di cose nuove, rafforzata dalle disavventure vissute in terra straniera, superate al meglio.
Torno a casa con un cuore ancora più grande perchè i miei figli si sono presi un posticino sempre più grande dentro di esso.
Torno a casa con tanta voglia di fare esperienze nuove.
La politica, di nuovo, altri viaggi, probabilmente, un nuovo amore, lo spero... Tanti abbracci, sicuramente!

La verità è che voglio solo il meglio per tutti quanti e farò di tutto perchè tutti possano essere felici, felici davvero.

Sto tornando Livorno,
sto tornando Claraluna,
sto tornando.


Aurora




Kestel ha scritto:
1° marzo 1459, Narbonne.
Un incubo.
L'irragionevolezza della gente. Ossia: esser stupidi convinti di esser intelligenti, tanto da poter offendere gli altri.
Il paradiso.
Viaggiare. Coi parenti. Splendido. Vendere per la Repvbblica e farcela.
Sedersi al trono divino, guardare giù e vedere il paradiso.
Vendere la merce quando un parente è stato condannato da assurde persone e assurde leggi (mai trovate, tra l'altro), continuando a sfottere questi personaggi: non ha prezzo.

Domani si riparte. Verso casa. Pare col volo (ehmm pardon...) con viaggio diretto. Terre italiche, torniamo.
Vivi e sfmati.
Vivi e col ricordo di ubriacature da Du Demon in taverna francese.
Vivi e col ricordo di traduzione estemporanee con la dama di turno che avrebbe fatto di tutto per venire in Italia.
Vivi e tutto sommato sereni.
Vivi e col sogno della Francia pieno di lazzaroni ai posti più insigniti.
Vivi e cmq sempre più bongosi.
Vivi e 'que ce que c'est le bongò?' (ussignur!!)
Vivi e goduti.
Vivi e coi Rolling Eyes stracciati.
Vivi e piegati in due dalle risate.
Vivi e con due ducati in meno.
Vivi e con tanti ducati in più, perchè il mercato rionale alla fine funziona lo stesso.
Vivi e il GAP onnipresente anche a Montpellier, Bèziers, Narbonne! W noi!
Vivi e lascia vivere.
che in altre parole....
...buonanotte!!!
K.


Ultima modifica di Vindrveraly il Mar 26 Apr 2011, 18:39, modificato 1 volta
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://famigliadiluna.forumotion.com
Vindrveraly
Admin
avatar

Messaggi : 242
Data d'iscrizione : 23.06.10
Età : 26
Località : Quel posto chiamato "Casa"

MessaggioTitolo: Re: Il Mio Diario   Gio 14 Apr 2011, 18:20

Vindrveraly ha scritto:
2 Marzo 1459 - Porto di Narbonne

Dopo un mese e dodici giorni, salpiamo dalle coste francesi per quelle italiche..
Non credevo potesse essere così meraviglioso e impetuoso, in me, il desiderio di tornare a casa, di respirare l'aria della penisola..

Riflettendo, ora che lo guardo meglio, il Lago di Narbonne è insignificante rispetto a quello di Livorno..
Forse perchè quello livornese lo vedevo ogni mattina, quando mi affacciavo dalle finestre della mia stanza, dopo aver passato l'ennesima notte insonne,così che il sole potesse accarezzarmi la pelle con i suoi caldi raggi, pieni di vita.

Oh, il nostro giardino, quello è un luogo pieno di vita!

Quante volte ho pensato di abbandonarla, e quante volte sono tornata tra le braccia della bella ClaraLuna?
Magari anche questa volta farò lo stesso..

Ho il cuore di un viaggiatore, ma allo stesso tempo di una ragazza che ama immensamente il luogo dove è cresciuta..

Le dirò mai addio davvero?

...

La Languedoche non è affatto quel che mi aspettavo, quel luogo felice che mi ero immaginata..
Magari se un giorno rivedrò Celia, devo raccontarle questa storia..

In compenso questo viaggio mi ha portato immensa gioia, donandomi, dopo tanti anni, ancora l'affetto di una madre bellissima e dolcissima..

Ecco uno dei desideri di Natale si è avverato..ora non rimane che l'altro!
Ma temo che per quello dovrò attendere ancora tanto..tanto..tanto..

...

Domani saremo un passo più vicini a casa!
Se chiudo gli occhi riesco già a vedere il viale che conduce a Claraluna, e poi il giardino con i miei piccoli cugini, e sulle scale i miei zii..
Oh, Fortezza mia, aspettaci!
Stiamo tornando..

Vera
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://famigliadiluna.forumotion.com
Vindrveraly
Admin
avatar

Messaggi : 242
Data d'iscrizione : 23.06.10
Età : 26
Località : Quel posto chiamato "Casa"

MessaggioTitolo: Re: Il Mio Diario   Mar 26 Apr 2011, 18:40

Vindrveraly ha scritto:
23 Aprile 1459 - Fortezza di ClaraLuna.

Evaristo è appena tornato da Pisa e mi ha portato la risposta del Collegio d'Araldica...

Mi sono sempre chiesta come una persona possa provare un senso di pace, pur dopo un rifiuto.
Oggi l'ho capito!

Mi sento così leggera e serena, dopo giorni trascorsi in ansia.
Già da domani conto di partire, ed a breve richiederò i permessi..
Tornare a viaggiare, non c'è notizia migliore di questa!

Avevo così tanti posti da visitare, che vada il Collegio! è nettamente meglio per me!

Sono sicura che anche la mia famiglia sarà felice per questo!

Finalmente torno a sorridere, senza pesi sul cuore!
Finalmente torno a viaggiare!
Finalmente..

Vera
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://famigliadiluna.forumotion.com
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Il Mio Diario   

Torna in alto Andare in basso
 
Il Mio Diario
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Cicely Mary Barker
» [VENDO] Marmalade Boy\Piccoli problemi di cuore Bandai 1994 diario vintage Bandai
» cerco diarione di Uffi
» diari di uffi
» [Vendo] LADY OSCAR diario scuola Fabbri 1983 NUOVO FONDO DI MAGAZZINO

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Il Casato Di Luna :: Sale aperte agli Ospiti :: Il Giardino di ClaraLuna-
Vai verso: